Passa ai contenuti principali

Le radici del male




Come dite? C'è una svastica? Si, ma non parliamo di nazismo, oggi andiamo a conoscere la Thule-Gesellschaft meglio nota come Società Thule.

Che barba! l'ennesimo articolo sulle origini del nazismo! Si beh, fosse così sarei d'accordo con voi, ma non è ciò che pensate.
Nell'immaginario collettivo, a fondare il NSDAP (Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori) è Adolf Hitler, niente di più sbagliato, Hitler si avvicina al partito nazionalsocialista nel 1919 e lo fa in qualità di spia dell'esercito, dopo la guerra infatti impossibilitato a continuare una vera e propria carriera militare a causa delle restrizioni imposte dal trattato di Versailles, Hitler venne incaricato di spiare varie sezioni locali di partiti legati all'ambiente comunista, uno di questi era il partito nazionalsocialista. 

Chi ha quindi fondato o per meglio dire plasmato l'identità culturale e ideologica di Hitler e del partito nazionalsocialista? La società Thule.

La Thule venne fondata in Germania nel 1910 da 
Felix Niedner, scopo primario di questa società non è certo la politica, la Thule è infatti una società segreta molto simile alle sette massoniche. La componente mistica è la colonna portante del pensiero della società Thule che si ispira alle idee teosofiche di Guido Von List Lanz Von Liebenfels.
I due filosofi sono i veri e propri fondatori dell'ideologia nazista, poi ovviamente sviluppata ed evoluta, ma le radici del male, portano quei due nomi.

La società Thule, cui motto è "
Ricorda che sei un tedesco. Conserva il tuo sangue puro!" osserva un vero e proprio credo religioso, con dei dogmi imprescindibili quali il nazionalismo tedesco (Pan-germanico), l'antisemitismo, paganesimo nordico e mistificazione runica.
Dogmi che ritroviamo integralmente in Hitler e nel nazismo, concetti portati all'esasperazione che hanno successivamente plasmato migliaia di menti in Germania tra il 1933 e il 1945.

Tra i membri della setta troviamo Rudolf Hess, che nel 1933 diventerà vice fuhrer del reich. Il legame tra la società Thule ed il nazismo diventa quindi piuttosto evidente.

Vero responsabile della forte connotazione antisemitica della società Thule è Lanz Von Liebenfels, già citato qualche riga fa. Egli non è altro che un monaco cattolico, predicava l'esistenza della razza superiore degli ariani, convinto che quest'ultimi dovessero liberare il mondo dagli ebrei.

L'antisemitismo proveniente dalla visione mistica di Liebenfels trovò presto terreno fertile anche a livello pratico, gli ebrei infatti alla fine della prima guerra mondiale erano considerati tra i maggiori colpevoli per la sconfitta tedesca, da qui poi l'idea della "Pugnalata alle spalle" (Dolchstoßlegende), sulla quale i nazionalisti tedeschi costruirono gran parte della propria strategia di propaganda.

La società Thule è quindi come abbiamo visto, il vero sancta sanctorum del nazismo. Fonte d'ispirazione per Hitler e per la maggior parte dei suoi più stretti collaboratori. 
Il legame tra nazismo ed esoterismo è infatti noto, questa forte connotazione esoterica è dovuta proprio all'influenza della Thule, che è nata proprio come setta esoterica.

Se volete ulteriormente approfondire questo argomento vi consiglio le seguenti letture:

- (
Rudolf von Sebottendorff) Prima che venisse Hitler

- (Rose Detlev) La società Thule, leggende, miti, realtà.


D.M.

Commenti

Post popolari in questo blog

La morte bianca

(Simo Häyhä col suo fidato Mosin-Nagant) La guerra d'inverno, il conflitto combattuto tra Finlandia e Unione Sovietica tra il Novembre del '39 e il Marzo del '40 è di per se un fatto storico poco esplorato dalla storiografia popolare.  Tuttavia è proprio da questo particolare periodo storico che emerge la figura di Simo Häyhä, il cecchino migliore della storia. Chi è Simo? Simo nasce il 17 Dicembre 1902 in un piccolo villaggio finlandese chiamato Rautjärvi, nella Carelia meridionale. La famiglia possedeva una fattoria, fin da bambino Simo assisteva il padre durante le battute di caccia, fin quando un giorno chiese al genitore di poter usare il fucile, con grande sorpresa Simo riuscì a colpire un Alce, dimostrando fin da subito un'innata capacità nell'utilizzo delle armi da fuoco. La passione per la caccia divenne per Simo un chiodo fisso, al punto che divenne per lui anche un'attività redditizia, iniziò a vendere le pelli degli anima

17 Settembre 1939 l'URSS invade la Polonia

(Sovietici e tedeschi in Polonia) L'inizio della Seconda Guerra Mondiale, è all'unanimità riconosciuto con l'invasione tedesca della Polonia, che scatenò la reazione di Francia e Gran Bretagna legate alla giovane nazione polacca da un patto difensivo. Quello che è poco noto invece, è che sedici giorni dopo l'inizio delle operazioni da parte della Wehrmacht, anche l'Unione Sovietica invade la Polonia da est. Il Patto Ribbentrop-Molotov In seguito al fallimento delle negoziazioni tra Unione Sovietica e i Franco-Inglesi, avvenute durante tutta la primavera del 1939 dove i sovietici chiesero al blocco occidentale concessioni del tutto ragionevoli, Stalin consapevole che la guerra con la Germania fosse quasi inevitabile, si assicurò del tempo prezioso, allontanare un conflitto con la Germania era considerato vitale. Iniziarono così le trattative tra i diplomatici dei due paesi, l'intesa venne raggiunta durante l'estate del 1939 e il patto venne ufficia

La Battaglia d'Inghilterra

Il 18 Agosto di settantasette anni fa, fu  il giorno più duro  della battaglia d'Inghilterra, in cui entrambi gli schieramenti subirono il maggior numero di perdite. Nel 1940 dopo aver sconfitto la Francia, la Germania nazista cercò di raggiungere un accordo diplomatico con la Gran Bretagna, quest'ultima guidata da Winston Churchill però, rifiutò le offerte di pace avanzate da Hitler.  Vista l'impossibilità di portare a termine il conflitto tramite una soluzione diplomatica, la Germania doveva decidere quale strategia adottare per costringere i britannici alla resa. Nacque così  l'Operazione Leone Marino,  nome in codice dell'invasione dell'Inghilterra.  L'invasione del territorio inglese aveva due grandi ostacoli; la Royal Navy (Marina militare britannica) e soprattutto la Royal Air Force (Aeronautica militare britannica). Il dominio dei cieli era necessario se si voleva avere una qualche speranza di riuscita dell'operazione.