Passa ai contenuti principali

Le radici del male




Come dite? C'è una svastica? Si, ma non parliamo di nazismo, oggi andiamo a conoscere la Thule-Gesellschaft meglio nota come Società Thule.

Che barba! l'ennesimo articolo sulle origini del nazismo! Si beh, fosse così sarei d'accordo con voi, ma non è ciò che pensate.
Nell'immaginario collettivo, a fondare il NSDAP (Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori) è Adolf Hitler, niente di più sbagliato, Hitler si avvicina al partito nazionalsocialista nel 1919 e lo fa in qualità di spia dell'esercito, dopo la guerra infatti impossibilitato a continuare una vera e propria carriera militare a causa delle restrizioni imposte dal trattato di Versailles, Hitler venne incaricato di spiare varie sezioni locali di partiti legati all'ambiente comunista, uno di questi era il partito nazionalsocialista. 

Chi ha quindi fondato o per meglio dire plasmato l'identità culturale e ideologica di Hitler e del partito nazionalsocialista? La società Thule.

La Thule venne fondata in Germania nel 1910 da 
Felix Niedner, scopo primario di questa società non è certo la politica, la Thule è infatti una società segreta molto simile alle sette massoniche. La componente mistica è la colonna portante del pensiero della società Thule che si ispira alle idee teosofiche di Guido Von List Lanz Von Liebenfels.
I due filosofi sono i veri e propri fondatori dell'ideologia nazista, poi ovviamente sviluppata ed evoluta, ma le radici del male, portano quei due nomi.

La società Thule, cui motto è "
Ricorda che sei un tedesco. Conserva il tuo sangue puro!" osserva un vero e proprio credo religioso, con dei dogmi imprescindibili quali il nazionalismo tedesco (Pan-germanico), l'antisemitismo, paganesimo nordico e mistificazione runica.
Dogmi che ritroviamo integralmente in Hitler e nel nazismo, concetti portati all'esasperazione che hanno successivamente plasmato migliaia di menti in Germania tra il 1933 e il 1945.

Tra i membri della setta troviamo Rudolf Hess, che nel 1933 diventerà vice fuhrer del reich. Il legame tra la società Thule ed il nazismo diventa quindi piuttosto evidente.

Vero responsabile della forte connotazione antisemitica della società Thule è Lanz Von Liebenfels, già citato qualche riga fa. Egli non è altro che un monaco cattolico, predicava l'esistenza della razza superiore degli ariani, convinto che quest'ultimi dovessero liberare il mondo dagli ebrei.

L'antisemitismo proveniente dalla visione mistica di Liebenfels trovò presto terreno fertile anche a livello pratico, gli ebrei infatti alla fine della prima guerra mondiale erano considerati tra i maggiori colpevoli per la sconfitta tedesca, da qui poi l'idea della "Pugnalata alle spalle" (Dolchstoßlegende), sulla quale i nazionalisti tedeschi costruirono gran parte della propria strategia di propaganda.

La società Thule è quindi come abbiamo visto, il vero sancta sanctorum del nazismo. Fonte d'ispirazione per Hitler e per la maggior parte dei suoi più stretti collaboratori. 
Il legame tra nazismo ed esoterismo è infatti noto, questa forte connotazione esoterica è dovuta proprio all'influenza della Thule, che è nata proprio come setta esoterica.

Se volete ulteriormente approfondire questo argomento vi consiglio le seguenti letture:

- (
Rudolf von Sebottendorff) Prima che venisse Hitler

- (Rose Detlev) La società Thule, leggende, miti, realtà.


D.M.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il più grave disastro navale della storia

(Il transatlantico Wilhelm Gustloff)


La grande fuga
All'inizio del 1945 l'armata rossa aveva iniziato la sua inarrestabile avanzata che l'avrebbe poi portata nel giro di pochi mesi a Berlino, nel cuore del reich tedesco. L'esercito germanico si trovava ormai nella condizione di poter solo ed esclusivamente sperare di poter rallentare il rullo compressore sovietico. 
L'armata rossa riuscì con successo a sfondare nel settore della Prussia orientale, in pieno territorio tedesco, ottenendo il completo accerchiamento dell'area nel Febbraio del '45. Il comando militare germanico si trovò così nella situazione di dover trovare una via di fuga per i militari e soprattutto i civili rimasti intrappolati dall'avanzata sovietica.  Farlo via terra era del tutto impossibile, l'operazione di salvataggio di migliaia di soldati e soprattutto milioni di civili venne quindi affidata alla Kriegsmarine.
L'ammiraglio Karl Donitz, comandante in capo della marina tedesca, pr…

Operazione Gunnerside

(L'impianto di produzione della Hydro Norsk)


Il programma atomico nazista
Sul programma nucleare militare tedesco è stato scritto tanto, che la Germania di Hitler fosse vicina alla realizzazione di un ordigno atomico è ormai appurato. Come è anche praticamente certo che verso la fine del 1944 vi fu addirittura un test atomico, realizzato nel Mar Baltico, sull'isola di Rugen. Test documentato dal corrispondente di guerra italiano, Luigi Romersa, inviato appositamente da Mussolini per accertarsi della veridicità delle parole di Hitler riguardo quest'arma "miracolosa" che avrebbe dovuto mutare le sorti del conflitto.
Secondo quanto riportato da Romersa, il test a cui lui stesso assistette, ebbe luogo il 12 Ottobre 1944 su un isoletta del Baltico. L'esplosione avvenuta alle 11:45 e fu talmente potente da poter essere avvertita da varie località lungo le coste baltiche. Tuttavia, il programma tedesco era ancora lontano da ultimare un ordigno che avrebbe potuto essere uti…

L'asso dei cieli

(Francesco Baracca)


L'aviazione italiana nel primo conflitto mondiale
Lo sviluppo dell'arma aerea fu fin da subito supportata dai vertici militari italiani, nel 1911 alla vigilia della guerra italo-turca, l'esercito (L'arma aerea era ancora parte dell'esercito) disponeva di 4 areostati, 2 dirigibili e 28 aeroplani. L'utilizzo di un aeroplano in battaglia contro il nemico a terra fu sperimentato per la prima volta proprio dal Servizio Aeronautico Italiano (Così era chiamato il corpo aereo all'interno dell'esercito) durante la guerra contro l'impero ottomano.
Il 23 Ottobre 1911 avvenne la prima azione bellica del Servizio Aeronautico, la flottiglia aeroplani composta da 9 velivoli attacco una colonna nemica, servendosi di semplici bombe da due Kg lanciate a mano dall'aereo.

(Raffigurazione del primo attacco aereo al suolo della storia)
Alla vigilia della prima guerra mondiale, l'Italia nonostante fosse tra le nazioni pionieristiche per quanto riguar…