Passa ai contenuti principali

Panzer! Beh non proprio.




Sono più che sicuro che vi starete chiedendo, "Ma che diavolo è quel coso in foto?!" beh, vi sembrerà impossibile, ma ciò che state guardando è il primo carro armato tedesco della storia!
Nell'immaginario collettivo, il carro armato tedesco per eccellenza è il classico Panzer IV, oggi però andiamo a conoscere il capostipite dei carri tedeschi, l'A7V.

La nascita

Lo Sturmpanzerwagen A7V venne progettato Tra la fine del 1916 ed i primi mesi del 1917 dopo che i tedeschi, dovettero affrontare per la prima volta i carri inglesi (Mark I) alla Somme, che nonostante ebbero un esordio non del tutto esaltante dimostrarono di avere delle potenzialità che se ben sfruttate potevano trasformare, il carro armato in un arma devastante.
L'A7V era un mezzo relativamente semplice, uno scafo squadrato che poggiava sulla cingolatura, frontalmente costituito da una forma a V che consentiva una maggiore protezione dai colpi nemici (Corazzatura da 10-33 mm).
Il carro vista la mole (33.000 Kg) era poco maneggevole e poteva raggiungere una velocità massima di quasi 13 Km/h.
Armato frontalmente con un cannone da 57 mm e lateralmente con sei mitragliatrici MG08.


In battaglia




Le prime esercitazioni di una squadra di A7V (Cinque nell'Abteilung I) ebbero luogo nel Febbraio del 1918 con buoni risultati.
Il 21 Marzo nei pressi delle Somme i carri dell'Abteilung I videro per la prima volta il campo di battaglia, causando ai nemici lo stesso timore che ebbero un paio d'anni prima i tedeschi alla vista dei primi Mark I in combattimento.

Tuttavia, il vero battesimo del fuoco avvenne qualche settimana dopo, il 24 Aprile a Villers-Bretonneux, dove andò in scena il primo scontro tra carri armati della storia.
Gli inglesi schieravano sul campo dieci carri di cui 7 Whippet 2 Mark IV Female e solo un Mark IV Male armato di cannone (Gli altri erano armati solo di mitragliatrici).
I Tedeschi forti dei 13 A7V ingaggiarono battaglia contro i britannici, tre Whippet durante l'avanzata vennero messi fuori combattimento dalle cannonate dei carri tedeschi, uno dei due Mark IV Female venne colpito, ma non distrutto in quanto la corazzatura frontale riuscì ad assorbire il colpo. Un A7V venne centrato dai colpi del Mark IV Male e venne gravemente danneggiato, mentre un secondo carro tedesco durante la battaglia finì in una cava ed andò perso.

Gli A7V si scontrarono un altro paio di volte contro forze corazzate nemiche in scontri che finirono sostanzialmente per essere inconcludenti.


Dopo la Guerra

Dopo il primo conflitto mondiale, molti A7V vennero ceduti alla Polonia, i quali li utilizzarono con successo durante la guerra polacco-sovietica soprattutto durante la battaglia di Varsavia.
Vennero definitivamente ritirati dal servizio poco dopo il 1922.

L'unico esemplare ancora esistente ai giorni nostri è esposto in Australia, al Australian War Memorial di Canberra. 


D.M.



Commenti

Post popolari in questo blog

"La più potente nave da guerra che l'arte navale abbia mai espresso"

(La RN Caio Duilio all'entrata in servizio nel 1880)


Una sfida italiana

Era l'ormai lontano Marzo 1873, il Regno d'Italia si era costituito da appena dodici anni eppure c'era già chi in Italia pensava di poter lanciare la sfida alle potenze marittime per il controllo del Mediterraneo.
Simone Saint-Bon contrammiraglio della Regia Marina presentò al parlamento italiano il progetto di costruzione della classe Caio Duilio, una tipologia di nave che se realizzata avrebbe modificato i rapporti di forza marittimi nel Mediterraneo (e non solo) a favore dell'Italia.

Il parlamento approvò con entusiasmo il progetto e il contrammiraglio fu nominato qualche mese dopo ministro della marina.
Saint-Bon aveva presentato al parlamento un progetto dell'ingegnere navale Benedetto Brin, progetto che in realtà aveva già visto la luce dato che l'impostazione delle due navi della classe Caio Duilio (Enrico Dandolo e Caio Duilio) era già iniziata fin dai primi mesi del 1873.  


Le caratt…

Eccidio del Gondrand

(I cadaveri degli operai trucidati al cantiere N°1)



Un posto pericoloso
Nel Febbraio 1936 la guerra d'Etiopia era ancora nel vivo, le truppe italiane si apprestavano ad affrontare il nemico in quella che viene comunemente chiamata battaglia dell'Amba Aradam.
In un qualsiasi conflitto la logistica è protagonista assoluta delle strategie dei contendenti, ed un territorio privo di strade e scosceso come quello etiope richiedeva uno sforzo logistico non da poco. Proprio in quest'ottica nelle retrovie gli italiani iniziarono la costruzione di strade coloniali. 
Presso Mai Lala (Oggi Rama) un villaggio nei pressi del confine tra Etiopia ed Eritrea, la società nazionale trasporti Gondrand aveva dato il via ai lavori di costruzione di una strada di collegamento tra Asmara e Adua in Etiopia.
Il cantiere posizionato non molto distante dal villaggio era stato denominato N°1 ed ospitava oltre all'ingegnere Rocca, sua moglie ed una novantina di operai, tra cui circa settanta italiani.
La …

Il più grave disastro navale della storia

(Il transatlantico Wilhelm Gustloff)


La grande fuga
All'inizio del 1945 l'armata rossa aveva iniziato la sua inarrestabile avanzata che l'avrebbe poi portata nel giro di pochi mesi a Berlino, nel cuore del reich tedesco. L'esercito germanico si trovava ormai nella condizione di poter solo ed esclusivamente sperare di poter rallentare il rullo compressore sovietico. 
L'armata rossa riuscì con successo a sfondare nel settore della Prussia orientale, in pieno territorio tedesco, ottenendo il completo accerchiamento dell'area nel Febbraio del '45. Il comando militare germanico si trovò così nella situazione di dover trovare una via di fuga per i militari e soprattutto i civili rimasti intrappolati dall'avanzata sovietica.  Farlo via terra era del tutto impossibile, l'operazione di salvataggio di migliaia di soldati e soprattutto milioni di civili venne quindi affidata alla Kriegsmarine.
L'ammiraglio Karl Donitz, comandante in capo della marina tedesca, pr…