Passa ai contenuti principali

Panzer! Beh non proprio.




Sono più che sicuro che vi starete chiedendo, "Ma che diavolo è quel coso in foto?!" beh, vi sembrerà impossibile, ma ciò che state guardando è il primo carro armato tedesco della storia!
Nell'immaginario collettivo, il carro armato tedesco per eccellenza è il classico Panzer IV, oggi però andiamo a conoscere il capostipite dei carri tedeschi, l'A7V.

La nascita

Lo Sturmpanzerwagen A7V venne progettato Tra la fine del 1916 ed i primi mesi del 1917 dopo che i tedeschi, dovettero affrontare per la prima volta i carri inglesi (Mark I) alla Somme, che nonostante ebbero un esordio non del tutto esaltante dimostrarono di avere delle potenzialità che se ben sfruttate potevano trasformare, il carro armato in un arma devastante.
L'A7V era un mezzo relativamente semplice, uno scafo squadrato che poggiava sulla cingolatura, frontalmente costituito da una forma a V che consentiva una maggiore protezione dai colpi nemici (Corazzatura da 10-33 mm).
Il carro vista la mole (33.000 Kg) era poco maneggevole e poteva raggiungere una velocità massima di quasi 13 Km/h.
Armato frontalmente con un cannone da 57 mm e lateralmente con sei mitragliatrici MG08.


In battaglia




Le prime esercitazioni di una squadra di A7V (Cinque nell'Abteilung I) ebbero luogo nel Febbraio del 1918 con buoni risultati.
Il 21 Marzo nei pressi delle Somme i carri dell'Abteilung I videro per la prima volta il campo di battaglia, causando ai nemici lo stesso timore che ebbero un paio d'anni prima i tedeschi alla vista dei primi Mark I in combattimento.

Tuttavia, il vero battesimo del fuoco avvenne qualche settimana dopo, il 24 Aprile a Villers-Bretonneux, dove andò in scena il primo scontro tra carri armati della storia.
Gli inglesi schieravano sul campo dieci carri di cui 7 Whippet 2 Mark IV Female e solo un Mark IV Male armato di cannone (Gli altri erano armati solo di mitragliatrici).
I Tedeschi forti dei 13 A7V ingaggiarono battaglia contro i britannici, tre Whippet durante l'avanzata vennero messi fuori combattimento dalle cannonate dei carri tedeschi, uno dei due Mark IV Female venne colpito, ma non distrutto in quanto la corazzatura frontale riuscì ad assorbire il colpo. Un A7V venne centrato dai colpi del Mark IV Male e venne gravemente danneggiato, mentre un secondo carro tedesco durante la battaglia finì in una cava ed andò perso.

Gli A7V si scontrarono un altro paio di volte contro forze corazzate nemiche in scontri che finirono sostanzialmente per essere inconcludenti.


Dopo la Guerra

Dopo il primo conflitto mondiale, molti A7V vennero ceduti alla Polonia, i quali li utilizzarono con successo durante la guerra polacco-sovietica soprattutto durante la battaglia di Varsavia.
Vennero definitivamente ritirati dal servizio poco dopo il 1922.

L'unico esemplare ancora esistente ai giorni nostri è esposto in Australia, al Australian War Memorial di Canberra. 


D.M.



Commenti

Post popolari in questo blog

Operazione "Pastorius" - Attacco agli USA

(Gli otto sabotatori tedeschi) Il piano Con l'entrata in guerra degli Stati Uniti d'America la Germania si trovava davanti ad un avversario lontano migliaia di chilometri. Questo aspetto costrinse Hitler ed i suoi collaboratori a dover sviluppare metodi alternativi per poter colpire il nuovo nemico. Poco dopo la dichiarazione di guerra ad Hitler venne prospettata un'azione di sabotaggio ideata dall'Abwher (il servizio segreto militare tedesco). Si trattava di sbarcare sulle coste americane otto agenti sabotatori, due dei quali in possesso di cittadinanza statunitense.  Una volta sbarcati gli agenti, suddivisi in due gruppi, avrebberp avuto come obiettivi: Le centrali idro-elettriche delle cascate del Niagara, gli stabilimenti produttivi della "Alluminium Company of America", lo snodo ferroviario di Horseshoe. Oltre ad obiettivi minori, come ponti, serbatoi d'acqua dolce e depositi portuali. Il piano convinse Hitler che ne approvò l

La Battaglia d'Inghilterra

Il 18 Agosto di settantasette anni fa, fu  il giorno più duro  della battaglia d'Inghilterra, in cui entrambi gli schieramenti subirono il maggior numero di perdite. Nel 1940 dopo aver sconfitto la Francia, la Germania nazista cercò di raggiungere un accordo diplomatico con la Gran Bretagna, quest'ultima guidata da Winston Churchill però, rifiutò le offerte di pace avanzate da Hitler.  Vista l'impossibilità di portare a termine il conflitto tramite una soluzione diplomatica, la Germania doveva decidere quale strategia adottare per costringere i britannici alla resa. Nacque così  l'Operazione Leone Marino,  nome in codice dell'invasione dell'Inghilterra.  L'invasione del territorio inglese aveva due grandi ostacoli; la Royal Navy (Marina militare britannica) e soprattutto la Royal Air Force (Aeronautica militare britannica). Il dominio dei cieli era necessario se si voleva avere una qualche speranza di riuscita dell'operazione. 

La morte bianca

(Simo Häyhä col suo fidato Mosin-Nagant) La guerra d'inverno, il conflitto combattuto tra Finlandia e Unione Sovietica tra il Novembre del '39 e il Marzo del '40 è di per se un fatto storico poco esplorato dalla storiografia popolare.  Tuttavia è proprio da questo particolare periodo storico che emerge la figura di Simo Häyhä, il cecchino migliore della storia. Chi è Simo? Simo nasce il 17 Dicembre 1902 in un piccolo villaggio finlandese chiamato Rautjärvi, nella Carelia meridionale. La famiglia possedeva una fattoria, fin da bambino Simo assisteva il padre durante le battute di caccia, fin quando un giorno chiese al genitore di poter usare il fucile, con grande sorpresa Simo riuscì a colpire un Alce, dimostrando fin da subito un'innata capacità nell'utilizzo delle armi da fuoco. La passione per la caccia divenne per Simo un chiodo fisso, al punto che divenne per lui anche un'attività redditizia, iniziò a vendere le pelli degli anima