Passa ai contenuti principali

Cavalli sul mare


(Gli Ussari francesi catturano la flotta Olandese a Den Helder)



No quello che vedete nel dipinto non è una specie di miracolo, si tratta del primo e fin ora unico caso di scontro, fra una flotta navale ed un armata di terra, avvenuto in mare, si avete capito bene, in mare.


Siamo nel 1795, le armate francesi combattono contro le truppe della coalizione antifrancese. L'armata del generale Pichegru era entrata da pochi giorni ad Amsterdam, dopo essere riuscita valorosamente a scacciare gli inglesi.
Il generale francese, visto l'inverno particolarmente rigido, decise di fermare l'avanzata in attesa di temperature più miti.

Il 20 Gennaio Pichegru venne informato che la flotta olandese, composta da 14 vascelli da guerra e da alcuni mercantili si era bloccata nelle acque ghiacciate, a circa 80 Km a nord di Amsterdam ed era quindi immobilizzata in attesa dello scioglimento del ghiaccio.
Il generale francese colse la palla al balzo, gli si presentava l'occasione di poter catturare l'intera flotta e ordinò immediatamente al Willem de Winter (Un olandese che aveva abbracciato gli ideali della rivoluzione), di dirigersi verso la flotta olandese, che si trovava nei pressi della cittadina di Den Helder, con uno squadrone di Ussari ed un battaglione di fanteria.


(Il generale Willem de Winter)


Il generale de Winter una volta arrivato nei pressi di Den Helder, escogito' un piano per la cattura delle navi. Fece suolare gli zoccoli dei cavalli, così da potersi avvicinare col favore della notte alle imbarcazioni olandesi senza far troppo rumore. 
Il 23 Gennaio lo squadrone di Ussari comandato dal generale Lahure, iniziò l'avanzata sull'acqua ghiacciata, quando arrivarono nei pressi delle imbarcazioni, la fanteria francese iniziò ad aprire il fuoco. I marinai olandesi, colti di sorpresa poterono fare ben poco, gli Ussari erano ormai troppo vicini e la maggior parte delle navi erano inclinate verso il basso, ciò rese impossibile l'utilizzo dei cannoni.




Rapidamente, tutti i 14 vascelli da guerra olandesi vennero catturati, stessa sorte toccò ai mercantili. 
I francesi non subirono alcuna perdita, mentre gli olandesi lamentarono la perdita di qualche marinaio, per lo più feriti dal fuoco della fanteria francese.
Con la flotta, venne catturato anche l'ammiraglio olandese Reintjes.




Si tratta dell'unico caso della storia che ha visto una flotta alle prese con una battaglia "terrestre" in acqua. Un evento quasi fiabesco e difficilmente ripetibile, soprattutto ai giorni nostri. 
Con questa astuta operazione, le truppe francesi non solo riuscirono ad evitare che la flotta olandese riparasse in Inghilterra, ma anche ad assicurarsi una ambitissima preda bellica da poter riutilizzare per i propri scopi.



D.M.

Commenti

Post popolari in questo blog

"La più potente nave da guerra che l'arte navale abbia mai espresso"

(La RN Caio Duilio all'entrata in servizio nel 1880)


Una sfida italiana

Era l'ormai lontano Marzo 1873, il Regno d'Italia si era costituito da appena dodici anni eppure c'era già chi in Italia pensava di poter lanciare la sfida alle potenze marittime per il controllo del Mediterraneo.
Simone Saint-Bon contrammiraglio della Regia Marina presentò al parlamento italiano il progetto di costruzione della classe Caio Duilio, una tipologia di nave che se realizzata avrebbe modificato i rapporti di forza marittimi nel Mediterraneo (e non solo) a favore dell'Italia.

Il parlamento approvò con entusiasmo il progetto e il contrammiraglio fu nominato qualche mese dopo ministro della marina.
Saint-Bon aveva presentato al parlamento un progetto dell'ingegnere navale Benedetto Brin, progetto che in realtà aveva già visto la luce dato che l'impostazione delle due navi della classe Caio Duilio (Enrico Dandolo e Caio Duilio) era già iniziata fin dai primi mesi del 1873.  


Le caratt…

Eccidio del Gondrand

(I cadaveri degli operai trucidati al cantiere N°1)



Un posto pericoloso
Nel Febbraio 1936 la guerra d'Etiopia era ancora nel vivo, le truppe italiane si apprestavano ad affrontare il nemico in quella che viene comunemente chiamata battaglia dell'Amba Aradam.
In un qualsiasi conflitto la logistica è protagonista assoluta delle strategie dei contendenti, ed un territorio privo di strade e scosceso come quello etiope richiedeva uno sforzo logistico non da poco. Proprio in quest'ottica nelle retrovie gli italiani iniziarono la costruzione di strade coloniali. 
Presso Mai Lala (Oggi Rama) un villaggio nei pressi del confine tra Etiopia ed Eritrea, la società nazionale trasporti Gondrand aveva dato il via ai lavori di costruzione di una strada di collegamento tra Asmara e Adua in Etiopia.
Il cantiere posizionato non molto distante dal villaggio era stato denominato N°1 ed ospitava oltre all'ingegnere Rocca, sua moglie ed una novantina di operai, tra cui circa settanta italiani.
La …

Il più grave disastro navale della storia

(Il transatlantico Wilhelm Gustloff)


La grande fuga
All'inizio del 1945 l'armata rossa aveva iniziato la sua inarrestabile avanzata che l'avrebbe poi portata nel giro di pochi mesi a Berlino, nel cuore del reich tedesco. L'esercito germanico si trovava ormai nella condizione di poter solo ed esclusivamente sperare di poter rallentare il rullo compressore sovietico. 
L'armata rossa riuscì con successo a sfondare nel settore della Prussia orientale, in pieno territorio tedesco, ottenendo il completo accerchiamento dell'area nel Febbraio del '45. Il comando militare germanico si trovò così nella situazione di dover trovare una via di fuga per i militari e soprattutto i civili rimasti intrappolati dall'avanzata sovietica.  Farlo via terra era del tutto impossibile, l'operazione di salvataggio di migliaia di soldati e soprattutto milioni di civili venne quindi affidata alla Kriegsmarine.
L'ammiraglio Karl Donitz, comandante in capo della marina tedesca, pr…