Passa ai contenuti principali

Operazione colpo di tamburo


(Un U-Boot in navigazione nell'Atlantico)



Pearl Harbor e la fine della guerra non dichiarata

Fin dai primi mesi del 1940, la marina tedesca aveva iniziato ad operare nell'Atlantico con i suoi sottomarini (U-Boot), l'obiettivo dell'ammiragliato tedesco era quello di "affamare" i britannici, impedendo ad ogni mercantile diretto verso la Gran Bretagna di poter arrivare a destinazione.
Gli Stati Uniti che già a partire dal Marzo 1941 avevano avviato il Lend-Lease, un'iniziativa con la quale garantivano alle nazioni che combattevano contro le potenze dell'asse, il materiale necessario per poter far fronte al conflitto, fornendo loro ogni tipo di materia prima o armamenti vari.
Gli U-Boot tedeschi davano quindi la caccia a mercantili che trasportavano materiale di provenienza americana, spesso queste imbarcazioni erano anche di provenienza statunitense ma battenti bandiera britannica, nonostante nella gran parte dei casi i marinai a bordo fossero cittadini americani.

Con l'attacco giapponese a Pearl Harbor, il 7 Dicembre del 1941, la Germania che fino ad allora aveva cercato di non provocare direttamente gli Stati Uniti d'America, si vide costretta a tener fede al patto tripartito siglato il 27 Settembre del 1940 ed a dichiarare guerra agli USA. Cosa che avvenne l'11 Dicembre del '41.


Come un improvviso colpo di tamburo

Già prima della dichiarazione di guerra agli Stati Uniti, l'ammiraglio Donitz, comandante della flotta sottomarina tedesca, aveva studiato un'operazione che aveva l'obiettivo di colpire le navi americane nei pressi delle coste statunitensi, il fattore sorpresa giocava un ruolo fondamentale in questo piano, infatti l'ammiraglio tedesco, credeva che con gli occhi puntati verso il Pacifico, gli americani non si aspettassero un attacco proveniente dall'Atlantico, il 18 Dicembre quindi, emanò le direttive per l'attuazione del piano, chiamato "Operazione Paukenschlag" (Operazione colpo di tamburo). 
Dalle basi situate sulla costa occidentale francese, presero il mare cinque U-Boot, diretti verso le coste americane.

I cinque sottomarini, di tipo IX, capaci di trasportare 22 siluri e con una autonomia una volta raggiunti gli Stati Uniti di due settimane, arrivano nei pressi delle coste del nord america tra il 9 e l'11 Gennaio 1942, due raggiungono la costa est del Canada, mentre gli altri tre si posizioneranno davanti le coste statunitensi, tra New York e il Nord Carolina.
Al loro arrivo lungo le coste americane, gli equipaggi sono sorpresi, infatti non fu presa nessuna accortezza da parte degli americani, le luci delle città lungo le coste erano sempre accese, i mercantili mantenevano le luci di navigazione e le trasmissioni radio erano intercettabili anche dai sottomarini tedeschi.



L'11 Gennaio, avvenne il primo affondamento, l'U-123 avvistò la SS Cyclops, un mercantile inglese diretto ad Halifax.
All'1:49 del mattino il capitano dell'U-123 Hardegen da l'ordine d'attacco, il siluro lanciato dal sottomarino tedesco centra in pieno l'ignara imbarcazione britannica, l'esplosione coglie di sorpresa l'equipaggio che pensa di aver urtato una mina. Un secondo siluro da il colpo di grazia al mercantile inglese, più di cento marinai perdono la vita in quello che fu il primo affondamento perpetrato nelle acque statunitensi.
L'U-123 colto il successo, si dirigerà verso New York, dove il 15 Gennaio davanti ad uno scenario irreale, mentre osservavano le luci della grande mela, le vedette avvistano una petroliera, preda bellica ambitissima visto il prezioso carico.
La nave colpita a poppa da un siluro esplose, tanto che il bagliore era visibile anche dalla città di New York.
Le azioni dei sottomarini tedeschi, andarono avanti senza sosta, ed alla fine del mese di Gennaio, erano riusciti ad affondare ben 26 navi per un totale di 160.000 tonnellate colate a picco.




La marina statunitense si era fatta cogliere totalmente di sorpresa, l'ammiraglio King, comandante supremo della flotta dell'Atlantico, ignorò tutti gli avvertimenti fatti dai britannici riguardo gli U-Boot tedeschi.
L'ammiraglio americano, era più preoccupato di quanto stava accadendo nel Pacifico ed era intenzionato a dirottare altre cacciatorpedinere in quel teatro delle operazioni, nonostante le richieste dei britannici per altre navi di scorta ai convogli.
Per anni gli americani avevano visto la guerra da lontano, al massimo dalle pagine dei giornali, ma negli ultimi due mesi, tra il '41 ed il '42, si erano visti attaccare nel pacifico a Pearl Harbor e ad est proprio nelle loro acque territoriali.

Churchill interviene direttamente, e convince l'ammiraglio King a formare dei convogli scortati dai cacciatorpediniere.
Le acque territoriali americane sono costantemente perlustrate da aerei della US Navy adibiti alla caccia antisommergibile.
La situazione cambia quindi drasticamente e per i sottomarini tedeschi diventa sempre più difficile colpire i mercantili alleati che ormai viaggiavano fin dalle coste in formazione e sotto scorta.


Fine delle operazioni e considerazioni finali

L'operazione "Colpo di tamburo", è da considerare un successo, i sottomarini tedeschi riuscirono a colpire duramente la marina mercantile alleata, gli statunitensi affrontarono le prime fasi del conflitto in maniera del tutto dilettantistica ignorando completamente le precauzioni da prendere sopratutto per quanto riguarda la difesa marittima.
Nonostante la propaganda americana tentò di limitare la portata della sconfitta subita dai tedeschi, molti mercantili nei giorni successivi agli attacchi, si rifiutarono di prendere il mare se non sotto scorta.
L'industria americana riuscì a sopperire anche questa volta alle carenze organizzative delle forze armate, iniziando a costruire mercantili, cacciatorpediniere ed aerei antisommergibile. 

(Una pattuglia di "Catalina" adibiti al pattugliamento costiero)


Con il protrarsi del conflitto, la tecnologia degli alleati per quanto riguarda la lotta alla guerra sottomarina divenne talmente superiore che l'ammiragliato tedesco ordinò per un certo periodo di sospendere ogni attacco, viste le altissime perdite di U-Boot collezionate dai nazisti negli ultimi mesi di guerra.



D.M.


















Commenti

Post popolari in questo blog

Il più grave disastro navale della storia

(Il transatlantico Wilhelm Gustloff)


La grande fuga
All'inizio del 1945 l'armata rossa aveva iniziato la sua inarrestabile avanzata che l'avrebbe poi portata nel giro di pochi mesi a Berlino, nel cuore del reich tedesco. L'esercito germanico si trovava ormai nella condizione di poter solo ed esclusivamente sperare di poter rallentare il rullo compressore sovietico. 
L'armata rossa riuscì con successo a sfondare nel settore della Prussia orientale, in pieno territorio tedesco, ottenendo il completo accerchiamento dell'area nel Febbraio del '45. Il comando militare germanico si trovò così nella situazione di dover trovare una via di fuga per i militari e soprattutto i civili rimasti intrappolati dall'avanzata sovietica.  Farlo via terra era del tutto impossibile, l'operazione di salvataggio di migliaia di soldati e soprattutto milioni di civili venne quindi affidata alla Kriegsmarine.
L'ammiraglio Karl Donitz, comandante in capo della marina tedesca, pr…

Operazione Gunnerside

(L'impianto di produzione della Hydro Norsk)


Il programma atomico nazista
Sul programma nucleare militare tedesco è stato scritto tanto, che la Germania di Hitler fosse vicina alla realizzazione di un ordigno atomico è ormai appurato. Come è anche praticamente certo che verso la fine del 1944 vi fu addirittura un test atomico, realizzato nel Mar Baltico, sull'isola di Rugen. Test documentato dal corrispondente di guerra italiano, Luigi Romersa, inviato appositamente da Mussolini per accertarsi della veridicità delle parole di Hitler riguardo quest'arma "miracolosa" che avrebbe dovuto mutare le sorti del conflitto.
Secondo quanto riportato da Romersa, il test a cui lui stesso assistette, ebbe luogo il 12 Ottobre 1944 su un isoletta del Baltico. L'esplosione avvenuta alle 11:45 e fu talmente potente da poter essere avvertita da varie località lungo le coste baltiche. Tuttavia, il programma tedesco era ancora lontano da ultimare un ordigno che avrebbe potuto essere uti…

L'asso dei cieli

(Francesco Baracca)


L'aviazione italiana nel primo conflitto mondiale
Lo sviluppo dell'arma aerea fu fin da subito supportata dai vertici militari italiani, nel 1911 alla vigilia della guerra italo-turca, l'esercito (L'arma aerea era ancora parte dell'esercito) disponeva di 4 areostati, 2 dirigibili e 28 aeroplani. L'utilizzo di un aeroplano in battaglia contro il nemico a terra fu sperimentato per la prima volta proprio dal Servizio Aeronautico Italiano (Così era chiamato il corpo aereo all'interno dell'esercito) durante la guerra contro l'impero ottomano.
Il 23 Ottobre 1911 avvenne la prima azione bellica del Servizio Aeronautico, la flottiglia aeroplani composta da 9 velivoli attacco una colonna nemica, servendosi di semplici bombe da due Kg lanciate a mano dall'aereo.

(Raffigurazione del primo attacco aereo al suolo della storia)
Alla vigilia della prima guerra mondiale, l'Italia nonostante fosse tra le nazioni pionieristiche per quanto riguar…