Passa ai contenuti principali

I pretoriani del duce


(Battaglioni "M" schierati sul campo d'addestramento di Trastevere)



La nascita dei Battaglioni "M"

I reparti d'élite sono le formazioni militari più conosciute al mondo, sentiamo spesso parlare dei Navy SEAL statunitensi, degli Specnaz russi e di altre unità similari, già per quanto riguarda l'Italia abbiamo la ben più famosa X M.A.S. di cui avrete sicuramente già sentito parlare. 

La Germania nazista oltre che delle truppe regolari della Whermacht si servì anche delle famosissime SS, una organizzazione militare al servizio del partito, composta esclusivamente da elementi scelti e dalla comprovata fede nazionalsocialista.
In Italia la presenza del Re aveva reso difficile la creazione di una forza armata politicizzata alle dipendenze dirette del P.N.F. tuttavia, Mussolini seppe trovare un compromesso, la Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale (M.V.S.N.), (spesso e volentieri semplicemente chiamate Camicie Nere) venne creata nel Gennaio del 1923 e successivamente integrate alle forze armate nel 1924, con obbligo di giuramento sia al duce che al re.

Nel 1941, le camicie nere avevano iniziato già ad operare direttamente sui campi di battaglia, distinguendosi per coraggio e determinazione in svariate occasioni.
Proprio per questo motivo, venne decisa la creazione di un corpo speciale, costituito dai migliori elementi delle camicie nere, chiamato Battaglioni "M"dove la M sta ovviamente per Mussolini.
Il nome suggerisce naturalmente che tale unità fosse di assoluta fede fascista, le prime truppe vennero scelte tra i migliori combattenti del Raggruppamento Galbiati e la 15a Legione Camicie Nere, unità che avevano dato prova del loro valore sul fronte greco.


(Soldati del Battaglione "M" "Montebello")


Le truppe dei neo costituiti Battaglioni "M" vennero inviate presso il campo di addestramento speciale, presso trastevere a Roma. La durezza imposta dagli istruttori alle truppe fu tale, che tra i soldati iniziava a circolare il detto "Meglio le pallottole al fronte che l'addestramento alla fonte".
Completato il duro periodo a trastevere, i battaglioni "M" venivano inviati all'assegnazione presso un corpo d'armata.


I Battaglioni "M" sul campo di battaglia

Questa unità, per lo più concepita come truppa d'assalto venne strutturata con un plotone esplorativo, tre compagnie d'assalto ed una compagnia mitraglieri.
Per quanto riguarda le unità della "M" impiegate come supporto sul campo, vennero strutturate come una classica unità da supporto campale dell'esercito, con una compagnia mortai, una controcarro, una d'artiglieria ed una sezione mitraglieri.

La maggior parte dei battaglioni venne inviata sul fronte russo, inizialmente assegnati alla riserva d'armata e successivamente impiegati direttamente sul campo in azioni impegnative e spesso considerate suicide.
I Battaglioni "M" dimostrarono in più di una occasione di essere le migliori unità italiane presenti sul fronte russo, tanto da iniziare ad essere temute anche dai sovietici.

(Mitraglieri della Legione "Tagliamento" sul fronte russo)


Particolare è la storia dell'unità Camicie Nere "Tagliamento", nata come semplice unità delle CC.NN. si guadagno' sul campo la qualifica a Battaglione "M" senza passare dal campo di addestramento.

Un raggruppamento dei Battaglioni "M" fu addestrato per l'Operazione C3, l'invasione dell'isola di Malta, tuttavia l'assalto al caposaldo britannico venne rimandato più volte, per essere poi definitivamente accantonato dopo l'offensiva di Rommel che portò le truppe italo-tedesche ad El Alamein.


(Un milite del Battaglione "M" "Vicenza")


Sul fronte africano, un Battaglione "M" venne inviato in Tunisia nel Febbraio 1943, aggregato alla divisione motorizzata "Trieste". L'unità fu tra le ultime ad arrendersi agli anglo-americani nel Maggio 1943 con la sconfitta definitiva delle truppe dell'Asse nel nord Africa.

Nel Maggio del '43 venne decisa la costituzione di una divisione corazzata (1a Divisione Corazzata "M") armata con carri di provenienza tedesca e formata esclusivamente da elementi provenienti dai Battaglioni "M". A causa della caduta di Mussolini venne rinominata divisione "Centauro II", l'8 Settembre si trovava nei pressi di Roma, i vertici dell'esercito però diffidavano dell'unità visto che si trattava di uomini vicini alla causa fascista ed infatti, nonostante venne loro ordinato di accorrere in aiuto della divisione "Granatieri di Sardegna" che combatteva contro i tedeschi nei pressi di Porta San Paolo, l'unità non si mosse e restò fuori dai combattimenti. Successivamente, venne disarmata dai tedeschi senza alcun incidente.


La fine

Il 25 Luglio 1943 alla caduta del fascismo, le Camicie Nere non reagiscono, vedono la fine del lungo governo Mussolini come un passaggio dei poteri al Re e non come un colpo di stato ai danni del regime fascista.
Con l'arrivo di Badoglio a capo del governo, le truppe di fede fascista vennero ostracizzate, molti vennero obbligati a giurare di nuovo fedeltà esclusivamente al Re.
L'8 Settembre al momento dell'armistizio, la maggior parte dei Battaglioni "M" rifiuta le direttive del governo Badoglio e preferisce schierarsi con i tedeschi.
Successivamente, con la creazione della Repubblica Sociale Italiana, vennero integrati nella Guardia Nazionale Repubblicana, continuando così a combattere per Mussolini.


(Truppe della G.N.R. sfilano a Milano)


Durante lo sbarco di Anzio, avvenuto nel Gennaio del '44, è purtroppo poco nota ai più la partecipazione del Battaglione "M" "IX Settembre" alla difesa dell'entroterra laziale in collaborazione con le truppe tedesche.



D.M.



Commenti

Post popolari in questo blog

Il più grave disastro navale della storia

(Il transatlantico Wilhelm Gustloff)


La grande fuga
All'inizio del 1945 l'armata rossa aveva iniziato la sua inarrestabile avanzata che l'avrebbe poi portata nel giro di pochi mesi a Berlino, nel cuore del reich tedesco. L'esercito germanico si trovava ormai nella condizione di poter solo ed esclusivamente sperare di poter rallentare il rullo compressore sovietico. 
L'armata rossa riuscì con successo a sfondare nel settore della Prussia orientale, in pieno territorio tedesco, ottenendo il completo accerchiamento dell'area nel Febbraio del '45. Il comando militare germanico si trovò così nella situazione di dover trovare una via di fuga per i militari e soprattutto i civili rimasti intrappolati dall'avanzata sovietica.  Farlo via terra era del tutto impossibile, l'operazione di salvataggio di migliaia di soldati e soprattutto milioni di civili venne quindi affidata alla Kriegsmarine.
L'ammiraglio Karl Donitz, comandante in capo della marina tedesca, pr…

Operazione Gunnerside

(L'impianto di produzione della Hydro Norsk)


Il programma atomico nazista
Sul programma nucleare militare tedesco è stato scritto tanto, che la Germania di Hitler fosse vicina alla realizzazione di un ordigno atomico è ormai appurato. Come è anche praticamente certo che verso la fine del 1944 vi fu addirittura un test atomico, realizzato nel Mar Baltico, sull'isola di Rugen. Test documentato dal corrispondente di guerra italiano, Luigi Romersa, inviato appositamente da Mussolini per accertarsi della veridicità delle parole di Hitler riguardo quest'arma "miracolosa" che avrebbe dovuto mutare le sorti del conflitto.
Secondo quanto riportato da Romersa, il test a cui lui stesso assistette, ebbe luogo il 12 Ottobre 1944 su un isoletta del Baltico. L'esplosione avvenuta alle 11:45 e fu talmente potente da poter essere avvertita da varie località lungo le coste baltiche. Tuttavia, il programma tedesco era ancora lontano da ultimare un ordigno che avrebbe potuto essere uti…

L'asso dei cieli

(Francesco Baracca)


L'aviazione italiana nel primo conflitto mondiale
Lo sviluppo dell'arma aerea fu fin da subito supportata dai vertici militari italiani, nel 1911 alla vigilia della guerra italo-turca, l'esercito (L'arma aerea era ancora parte dell'esercito) disponeva di 4 areostati, 2 dirigibili e 28 aeroplani. L'utilizzo di un aeroplano in battaglia contro il nemico a terra fu sperimentato per la prima volta proprio dal Servizio Aeronautico Italiano (Così era chiamato il corpo aereo all'interno dell'esercito) durante la guerra contro l'impero ottomano.
Il 23 Ottobre 1911 avvenne la prima azione bellica del Servizio Aeronautico, la flottiglia aeroplani composta da 9 velivoli attacco una colonna nemica, servendosi di semplici bombe da due Kg lanciate a mano dall'aereo.

(Raffigurazione del primo attacco aereo al suolo della storia)
Alla vigilia della prima guerra mondiale, l'Italia nonostante fosse tra le nazioni pionieristiche per quanto riguar…