Passa ai contenuti principali

La morte bianca


(Simo Häyhä col suo fidato Mosin-Nagant)



La guerra d'inverno, il conflitto combattuto tra Finlandia e Unione Sovietica tra il Novembre del '39 e il Marzo del '40 è di per se un fatto storico poco esplorato dalla storiografia popolare. 
Tuttavia è proprio da questo particolare periodo storico che emerge la figura di Simo Häyhä, il cecchino migliore della storia.


Chi è Simo?

Simo nasce il 17 Dicembre 1902 in un piccolo villaggio finlandese chiamato Rautjärvi, nella Carelia meridionale.
La famiglia possedeva una fattoria, fin da bambino Simo assisteva il padre durante le battute di caccia, fin quando un giorno chiese al genitore di poter usare il fucile, con grande sorpresa Simo riuscì a colpire un Alce, dimostrando fin da subito un'innata capacità nell'utilizzo delle armi da fuoco.
La passione per la caccia divenne per Simo un chiodo fisso, al punto che divenne per lui anche un'attività redditizia, iniziò a vendere le pelli degli animali che cacciava.

All'età di 17 anni decide di entrare nella Guardia Bianca, Simo impressiona subito per la sua abilita da tiratore. 
Arrivò durante le sessioni d'allenamento stabilire un record di 16 centri in un solo minuto a 150 metri di distanza.
La tecnica di tiro di Simo era del tutto diversa da quella solitamente usata dai tiratori scelti, infatti è usuale che i cecchini si posizionino in punti sopraelevati rispetto all'area di combattimento, per poter avere una migliore visuale.
Simo al contrario, preferiva posizionarsi sul terreno, in posizione distesa.


La guerra d'inverno

Il 30 Novembre 1939 l'U.R.S.S. invade la Finlandia, i Finnici decisi a difendersi a tutti i costi iniziano a contrapporsi ai sovietici utilizzando tattiche da guerriglia, fondamentali per sopperire all'evidente inferiorità numerica.

Simo venne inviato al fronte, nei pressi di Petsamo, quest'ultima venne rapidamente presa dai sovietici, i finlandesi furono costretti a ritirarsi, ma nonostante tutto furono in grado di rallentare l'avanzata sovietica.
La battaglia colse di sorpresa l'unità di Simo, i sovietici superavano di gran lunga in fatto di numeri gli avversari, ad un certo punto si trovarono ad affrontare in circa 40 elementi un orda di 3.000 soldati russi.


(Il fucile M-N 28 arma preferita di Simo)


Armato col suo fedele Mosin-Nagant modello '28, arma di produzione finnica ma dalla progettazione russa, Simo il 21 Dicembre si allontana dalla sua unità per andarsi a posizionare sul terreno innevato, con scorte di cibo ed acqua per un giorno, copre la sua posizione con la neve nonostante le temperature davvero proibitive. 
Dopo qualche ora, un'unità esplorante sovietica si trovò a portata di tiro, Simo aprì il fuoco, i sovietici non riuscirono a capire da dove provenissero gli spari, in poco tempo fu il panico assoluto, Simo da solo riuscì a colpire ben 21 soldati sovietici che decisero di ritirarsi viste le elevate perdite.


(Tenuta mimetica da neve)


Una storia del genere non poteva che avere anche uno scontro epico fra cecchini, roba da cinema.
Infatti a Simo venne affidato il compito di uccidere un cecchino sovietico che stava seminando il panico fra gli ufficiali finlandesi, quest'ultimo infatti, aveva ucciso tre alti ufficiali dell'esercito finlandese (Ai cecchini veniva ordinato sempre di cercare di colpire gli ufficiali).

Simo si recò nell'area dove si segnalava l'ultima posizione del cecchino sovietico, scavò una fossa nella neve, vi si infilò e ricoprì il tutto, le ore passavano, ma del cecchino nemico nessun segno, la giornata si stava per concludere quando al tramonto, Simo notò uno strano riflesso, capì che poteva essere solo il riflesso del mirino di un fucile di precisione. 
Simo attese concentrandosi verso quella direzione, non appena il russo fece per muoversi, Simo premette il grilletto, all'eco dello sparo fece seguito un assordante silenzio, c'è l'aveva fatta, il cecchino nemico era morto.

Ormai Simo era diventato famoso, i sovietici iniziarono a raccontare numerose leggende sul suo conto, affibbiandogli il soprannome di "morte bianca". 
Fu ordinato ai russi di riportare ogni possibile avvistamento dell'ormai famoso cecchino finlandese, ma nonostante tutti gli sforzi, non riuscirono a farlo fuori.
Negli ultimi giorni di guerra però, un soldato russo riuscì a colpirlo, causandogli una grave ferita sul volto, fortunatamente per lui però non gli fu fatale, tuttavia, il danno alla mascella fu tale da provocare una grave deformazione del volto.


 (Simo con l'evidente deformazione dovuta alla ferita di guerra)



Un eroe finlandese






Simo Häyhä è considerato dai finlandesi un vero e proprio eroe nazionale. Complessivamente gli sono state accreditate tra le 500 e le 550 uccisioni, un numero preciso non è facile da stabilire a causa di alcune discrepanze tra rapporti finlandesi (che parlano di 542 uccisioni) e sovietici (505 uccisioni).
Senza alcun dubbio, Simo è stato ed è probabilmente tutt'oggi il miglior cecchino della storia.
Dopo la guerra tornò alla sua vita bucolica, conducendo una vita lunga e tranquilla fino alla morte nell'Aprile del 2002.


D.M.













Commenti

Post popolari in questo blog

"La più potente nave da guerra che l'arte navale abbia mai espresso"

(La RN Caio Duilio all'entrata in servizio nel 1880)


Una sfida italiana

Era l'ormai lontano Marzo 1873, il Regno d'Italia si era costituito da appena dodici anni eppure c'era già chi in Italia pensava di poter lanciare la sfida alle potenze marittime per il controllo del Mediterraneo.
Simone Saint-Bon contrammiraglio della Regia Marina presentò al parlamento italiano il progetto di costruzione della classe Caio Duilio, una tipologia di nave che se realizzata avrebbe modificato i rapporti di forza marittimi nel Mediterraneo (e non solo) a favore dell'Italia.

Il parlamento approvò con entusiasmo il progetto e il contrammiraglio fu nominato qualche mese dopo ministro della marina.
Saint-Bon aveva presentato al parlamento un progetto dell'ingegnere navale Benedetto Brin, progetto che in realtà aveva già visto la luce dato che l'impostazione delle due navi della classe Caio Duilio (Enrico Dandolo e Caio Duilio) era già iniziata fin dai primi mesi del 1873.  


Le caratt…

Eccidio del Gondrand

(I cadaveri degli operai trucidati al cantiere N°1)



Un posto pericoloso
Nel Febbraio 1936 la guerra d'Etiopia era ancora nel vivo, le truppe italiane si apprestavano ad affrontare il nemico in quella che viene comunemente chiamata battaglia dell'Amba Aradam.
In un qualsiasi conflitto la logistica è protagonista assoluta delle strategie dei contendenti, ed un territorio privo di strade e scosceso come quello etiope richiedeva uno sforzo logistico non da poco. Proprio in quest'ottica nelle retrovie gli italiani iniziarono la costruzione di strade coloniali. 
Presso Mai Lala (Oggi Rama) un villaggio nei pressi del confine tra Etiopia ed Eritrea, la società nazionale trasporti Gondrand aveva dato il via ai lavori di costruzione di una strada di collegamento tra Asmara e Adua in Etiopia.
Il cantiere posizionato non molto distante dal villaggio era stato denominato N°1 ed ospitava oltre all'ingegnere Rocca, sua moglie ed una novantina di operai, tra cui circa settanta italiani.
La …

Il più grave disastro navale della storia

(Il transatlantico Wilhelm Gustloff)


La grande fuga
All'inizio del 1945 l'armata rossa aveva iniziato la sua inarrestabile avanzata che l'avrebbe poi portata nel giro di pochi mesi a Berlino, nel cuore del reich tedesco. L'esercito germanico si trovava ormai nella condizione di poter solo ed esclusivamente sperare di poter rallentare il rullo compressore sovietico. 
L'armata rossa riuscì con successo a sfondare nel settore della Prussia orientale, in pieno territorio tedesco, ottenendo il completo accerchiamento dell'area nel Febbraio del '45. Il comando militare germanico si trovò così nella situazione di dover trovare una via di fuga per i militari e soprattutto i civili rimasti intrappolati dall'avanzata sovietica.  Farlo via terra era del tutto impossibile, l'operazione di salvataggio di migliaia di soldati e soprattutto milioni di civili venne quindi affidata alla Kriegsmarine.
L'ammiraglio Karl Donitz, comandante in capo della marina tedesca, pr…