Passa ai contenuti principali

L'offensiva dimenticata


(Soldati francesi ispezionano il centro di Lauterbach in territorio tedesco)




La solitudine polacca

Il primo Settembre 1939 la Germania nazista invase la Polonia, contro lo stato polacco si scatenò la violentissima macchina bellica tedesca. Come è noto le forze armate polacche furono costrette alla resa dopo circa un mese di violenti combattimenti. 
In tutto ciò, Francia e Gran Bretagna dichiararono guerra alla Germania poco dopo l'aggressione alla Polonia, le due potenze speravano inizialmente che bastasse la formale dichiarazione di guerra a far desistere Hitler. Ma ciò non avvenne, si videro quindi costretti ad un conflitto malvoluto, soprattutto da parte di alcuni elementi politici franco-inglesi che sostenevano la tesi della risoluzione diplomatica.

Francia e Gran Bretagna ritenevano che la Polonia potesse reggere qualche mese, dopo tutto i polacchi possedevano per numero il quarto esercito d'Europa. Tuttavia il loro equipaggiamento era del tutto insufficiente e le loro tattiche ormai antiquate.
Qualche giorno dopo l'invasione la Polonia chiese ad i suoi alleati di intervenire energicamente contro la Germania, la situazione per i polacchi si faceva
disperata tanto da indurre l'ambasciatore polacco a pregare i francesi per un'azione d'alleggerimento contro sul fronte occidentale.


Nuova guerra vecchia maniera

Nonostante i francesi avessero promesso ai polacchi un offensiva contro la Germania in caso di aggressione verso la Polonia, lo stato maggiore francese non aveva elaborato alcun piano d'attacco.
Il 6 Settembre il generale Gamelin messo sotto pressione dalle insistenti richieste polacche ordinò l'attuazione di un piano d'attacco di portata limitata, con l'obiettivo di distrarre le forze tedesche dalla Polonia.

L'offensiva consisteva in un affondo nella regione del Saarland, Gamelin mise a disposizione nove divisioni poste sotto il comando del generale Gaston Pretelat.
I tedeschi potevano opporre la 1. Armee comandata dal generale Witzleben, si trattava di truppe predisposte esclusivamente per la difesa, poste al sicuro nella linea Sigfrido (La linea fortificata costruita dai tedeschi esistente già ai tempi della prima guerra mondiale, utilizzata poi anche nel secondo conflitto.).
Nonostante la Sigfrido non fosse allo stesso livello della linea Maginot si poteva considerare un buon complesso di fortificazioni.


(Artiglieria tedesca posizionata nella linea Sigfrido)


All'alba del 7 Settembre le truppe francesi varcarono il confine franco-tedesco, le truppe guidate dal generale Pretelat avanzarono nella zona di Saarbrucken lungo una linea di circa 30 Km. 
Alcuni carri francesi finirono per essere distrutti a causa delle mine sapientemente piazzate dai tedeschi che nel frattempo si ritiravano ordinatamente verso la linea Sigfrido distante solo pochi chilometri.
Le truppe francesi riuscirono a conquistare i piccoli villaggi limitrofi senza grossi problemi.


(Un soldato francese in un villaggio della Saarland)


Il 10 Settembre Witzleben ordinò di contenere la puntata nemica con dei piccoli contrattacchi locali così da poter saggiare la reale consistenza dell'offensiva francese.
Le truppe tedesche riuscirono a riconquistare un villaggio nel settore nord-est, Apach.
Gamelin nonostante la scarsa resistenza incontrata dalle truppe francesi non volle lanciare un offensiva in grande stile, credendo di riuscire nel semplice intento di spaventare i tedeschi e far così defluire unità da est verso il fronte orientale. 


(Truppe francesi posano col bottino di guerra)


Il bluff però non riuscì, il comando tedesco riteneva sufficienti le truppe già presenti. La linea Sigfrido per quanto non eccezionale avrebbe retto ad un attacco limitato come quello che sembrava avere luogo nella Saarland.
I francesi riuscirono a penetrare per circa 8 Km all'interno del territorio tedesco, conquistando una ventina di piccoli centri abitati.


Epilogo

Il consiglio di guerra riunito ad Abbeville il 12 Settembre sancì definitivamente la fine dell'offensiva. Gamelin infatti ordinò che le truppe francesi si sarebbero dovute fermare ad almeno 1 Km dalla linea Sigfrido. 
Di questo, i polacchi non vennero avvisati, nonostante sperassero ancora nell'offensiva capace di mettere pressione ai tedeschi.
Le perdite tedesche ammontarono a circa 700 elementi tra morti e feriti, mentre per quanto riguarda i francesi le perdite furono più elevate, circa 2.000 uomini.



Le truppe francesi continuarono ad occupare la zona conquistata fino ai primi giorni d'Ottobre, quando venne ordinato loro di ripiegare verso la linea Maginot, al di là del confine.

L'offensiva della Saar è stata una vera e propria occasione persa per gli alleati. I tedeschi non possedevano di un dispositivo difensivo tale da poter reggere l'urto di una offensiva su larga scala da parte dell'esercito francese.
Ciò venne anche confermato dal generale Jodl al processo di Norimberga, dove affermò che sul fronte occidentale potevano disporre di sole 23 divisioni a fronte delle circa 110 a disposizione del nemico ed in caso di attacco non avrebbero potuto tenere per più di un paio di settimane, costringendo così il ritiro di gran parte delle truppe dalla Polonia.



D.M.









Commenti

Post popolari in questo blog

"La più potente nave da guerra che l'arte navale abbia mai espresso"

(La RN Caio Duilio all'entrata in servizio nel 1880)


Una sfida italiana

Era l'ormai lontano Marzo 1873, il Regno d'Italia si era costituito da appena dodici anni eppure c'era già chi in Italia pensava di poter lanciare la sfida alle potenze marittime per il controllo del Mediterraneo.
Simone Saint-Bon contrammiraglio della Regia Marina presentò al parlamento italiano il progetto di costruzione della classe Caio Duilio, una tipologia di nave che se realizzata avrebbe modificato i rapporti di forza marittimi nel Mediterraneo (e non solo) a favore dell'Italia.

Il parlamento approvò con entusiasmo il progetto e il contrammiraglio fu nominato qualche mese dopo ministro della marina.
Saint-Bon aveva presentato al parlamento un progetto dell'ingegnere navale Benedetto Brin, progetto che in realtà aveva già visto la luce dato che l'impostazione delle due navi della classe Caio Duilio (Enrico Dandolo e Caio Duilio) era già iniziata fin dai primi mesi del 1873.  


Le caratt…

Eccidio del Gondrand

(I cadaveri degli operai trucidati al cantiere N°1)



Un posto pericoloso
Nel Febbraio 1936 la guerra d'Etiopia era ancora nel vivo, le truppe italiane si apprestavano ad affrontare il nemico in quella che viene comunemente chiamata battaglia dell'Amba Aradam.
In un qualsiasi conflitto la logistica è protagonista assoluta delle strategie dei contendenti, ed un territorio privo di strade e scosceso come quello etiope richiedeva uno sforzo logistico non da poco. Proprio in quest'ottica nelle retrovie gli italiani iniziarono la costruzione di strade coloniali. 
Presso Mai Lala (Oggi Rama) un villaggio nei pressi del confine tra Etiopia ed Eritrea, la società nazionale trasporti Gondrand aveva dato il via ai lavori di costruzione di una strada di collegamento tra Asmara e Adua in Etiopia.
Il cantiere posizionato non molto distante dal villaggio era stato denominato N°1 ed ospitava oltre all'ingegnere Rocca, sua moglie ed una novantina di operai, tra cui circa settanta italiani.
La …

Il più grave disastro navale della storia

(Il transatlantico Wilhelm Gustloff)


La grande fuga
All'inizio del 1945 l'armata rossa aveva iniziato la sua inarrestabile avanzata che l'avrebbe poi portata nel giro di pochi mesi a Berlino, nel cuore del reich tedesco. L'esercito germanico si trovava ormai nella condizione di poter solo ed esclusivamente sperare di poter rallentare il rullo compressore sovietico. 
L'armata rossa riuscì con successo a sfondare nel settore della Prussia orientale, in pieno territorio tedesco, ottenendo il completo accerchiamento dell'area nel Febbraio del '45. Il comando militare germanico si trovò così nella situazione di dover trovare una via di fuga per i militari e soprattutto i civili rimasti intrappolati dall'avanzata sovietica.  Farlo via terra era del tutto impossibile, l'operazione di salvataggio di migliaia di soldati e soprattutto milioni di civili venne quindi affidata alla Kriegsmarine.
L'ammiraglio Karl Donitz, comandante in capo della marina tedesca, pr…