Passa ai contenuti principali

James Bond? No! S.I.M. (Parte I)


(Il generale Cesare Amé, capo del S.I.M. dal 1940 al 1943)



"Convinci il Duce, niente guerra!"

Durante la seconda guerra mondiale i servizi segreti italiani svolsero un ottimo lavoro.
Nonostante la goffa struttura fortemente burocratizzata, come al solito in Italia durante quel periodo.
Formalmente ogni forza armata disponeva della sua attività informativa segreta. La marina aveva il S.I.S. (Servizio Informazioni Segrete) mentre l'aeronautica il S.I.A. (Servizio Informazioni Aeronautica).
Il S.I.M. quindi rappresentava il servizio segreto dell'esercito.

Durante i primi mesi di guerra a capo del S.I.M. vi era il Generale Carboni, delfino del capo di stato maggiore Badoglio.
Carboni, fortemente contrario alla guerra al fianco dei tedeschi, prospetto' a Mussolini un rapporto dove descriveva deficiente la situazione militare tedesca, incapace di poter sconfiggere Gran Bretagna e Francia in caso di conflitto.
Probabile che questo rapporto fu fatto redigere appositamente dal maresciallo Badoglio, desideroso di evitare la discesa in campo dell'Italia.



(Sulla destra, il generale Carboni in compagnia di Galeazzo Ciano)


Proprio a causa di questo rapporto e complice anche l'impreparazione militare, Mussolini decise in quel fatidico Settembre del 1939 di restare inizialmente neutrale (non belligerante) rispetto al conflitto che di li a poco sarebbe divenuto mondiale.

La rapida sconfitta della Francia tra il Maggio ed il Giugno del '40 però fece cambiare idea a Mussolini, pronto a cogliere il frutto della vittoria che rischiava di finire interamente nelle mani di Hitler.
Il 10 Giugno 1940 dal balcone di palazzo Venezia Mussolini annunciò alla nazione che l'Italia scendeva in guerra al fianco dell'alleato germanico.

Tutto ciò costo la credibilità di Carboni, che venne esonerato dal comando nel Settembre 1940, sostituito con l'ormai esperto membro del S.I.M. Cesare Amé.



Quei rapporti mai letti.

Amé profondo conoscitore dei servizi segreti italiani iniziò immediatamente a ristrutturare il S.I.M. in modo da renderlo più efficiente.

Il S.I.M. aveva inviato molti dei proprio agenti in incognito nei territori nemici già qualche mese prima dell'inizio delle ostilità.
Decisivo l'apporto del S.I.M. riguardo la decisione dell'ingresso in guerra voluto da Mussolini, in un rapporto ricevuto verso la metà di Maggio segnalava come imminente il crollo delle forze francesi.



(Il tenente Alberto Luserna, inviato dal SIM in Francia nel '40)


Tuttavia, a causa del lavoro di Carboni atto a tenere fuori l'Italia dal conflitto, Mussolini perse fiducia nel S.I.M. e nonostante l'arrivo di Amé inizio' ad ignorare i rapporti periodici che gli venivano consegnati.

(Rapporto del SIM)


Verso la fine del 1940 con le forze italiane impegnate in Africa settentrionale, il S.I.M. si adoperò per riuscire a fornire preziosissime informazioni ai comandi militari.
Già alla fine di Novembre i rapporti annunciavano come imminente l'offensiva britannica in Libia ed in alcuni di essi venivano riportati dettagli come le possibili direttrici d'attacco e la consistenza dell'armata nemica.


(Le direttrici iniziali dell'Operazione Compass)


Questi rapporti vennero quasi completamente ignorati, Graziani (comandante del teatro A.S.) venne a conoscenza della possibilità di attacco da parte britannica ma sottovalutò la sua portata.
Da qui il disastro che si ebbe con l'avvio dell'Operazione Compass, l'offensiva inglese riuscì a distruggere quasi completamente la Xa Armata Italiana, evento che segnò per sempre la storia dell'Italia nella seconda guerra mondiale.



(Rete spionistica del SIM in Albania)


Anche per quanto riguarda la campagna di Grecia, il servizio informazioni segnalò la massiccia mobilitazione dell'esercito ellenico, fatto che avrebbe dovuto addurre il comando italiano a ritenere insufficiente il dispositivo presente in Albania per le operazioni offensive. Anche in questo caso le segnalazioni del S.I.M. vennero quasi completamente ignorate ed anche in questa occasione questo errore ebbe conseguenze gravissime per l'Italia.


Sotto una campana di vetro

Per quanto riguarda la difesa interna ed il controspionaggio il S.I.M. si rivelò uno dei migliori servizi d'informazione del mondo.

Affidato al comando del colonnello Giulio Fettarappa, la sezione adibita al controspionaggio iniziò ad adoperare immediatamente dopo l'inizio delle ostilità.
I britannici tentarono più volte di costruire in Italia una rete spionistica, ma il S.I.M. fu abilissimo a bloccare la loro nascita.

Fettarappa per stessa ammissione dei britannici fu praticamente padrone della scena spionistica fino alla fine del 1942, riuscendo a debellare ogni rete nemica presente in Italia.

Per poter raggiungere questi strabilianti risultati organizzava anche finti sabotaggi ai danni delle nostre installazioni militari, attirò in trappola praticamente ogni agente britannico presente nel bel paese.
Riuscì persino ad utilizzare un agente inglese come fonte per informazioni segretissime, il tutto all'insaputa della controparte che era sicura di non essere sotto il controllo delle autorità italiane.


Durante l'invasione della Jugoslavia invece, il S.I.M. riuscì ad utilizzare i codici radio dell'esercito jugoslavo. In tal modo inviarono ordini falsi creando una confusione tale da bloccare intere unità dell'esercito che finirono poi per essere catturate dalle truppe dell'asse.





FINE PARTE I


D.M.





Commenti

  1. Giulio Fettarappa (Sandri) era mio zio materno:bei ricordi qui raccontati;grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile Dama, mi sto incuriosendo sulla famiglia Fettarappa, abito a Pescia in provincia di Pistoia.
      L'altro mese visitai la cosiddetta villa delle Cento Stanze, dimora fino al 1940 della famiglia Sandri Fettarappa.
      Mi può, se possibile, darmi un suo contatto, anche Facebook o Email.
      Il mio indirizzo Email: marcomonari1959@gmail.com.
      Grazie...

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"La più potente nave da guerra che l'arte navale abbia mai espresso"

(La RN Caio Duilio all'entrata in servizio nel 1880)


Una sfida italiana

Era l'ormai lontano Marzo 1873, il Regno d'Italia si era costituito da appena dodici anni eppure c'era già chi in Italia pensava di poter lanciare la sfida alle potenze marittime per il controllo del Mediterraneo.
Simone Saint-Bon contrammiraglio della Regia Marina presentò al parlamento italiano il progetto di costruzione della classe Caio Duilio, una tipologia di nave che se realizzata avrebbe modificato i rapporti di forza marittimi nel Mediterraneo (e non solo) a favore dell'Italia.

Il parlamento approvò con entusiasmo il progetto e il contrammiraglio fu nominato qualche mese dopo ministro della marina.
Saint-Bon aveva presentato al parlamento un progetto dell'ingegnere navale Benedetto Brin, progetto che in realtà aveva già visto la luce dato che l'impostazione delle due navi della classe Caio Duilio (Enrico Dandolo e Caio Duilio) era già iniziata fin dai primi mesi del 1873.  


Le caratt…

Eccidio del Gondrand

(I cadaveri degli operai trucidati al cantiere N°1)



Un posto pericoloso
Nel Febbraio 1936 la guerra d'Etiopia era ancora nel vivo, le truppe italiane si apprestavano ad affrontare il nemico in quella che viene comunemente chiamata battaglia dell'Amba Aradam.
In un qualsiasi conflitto la logistica è protagonista assoluta delle strategie dei contendenti, ed un territorio privo di strade e scosceso come quello etiope richiedeva uno sforzo logistico non da poco. Proprio in quest'ottica nelle retrovie gli italiani iniziarono la costruzione di strade coloniali. 
Presso Mai Lala (Oggi Rama) un villaggio nei pressi del confine tra Etiopia ed Eritrea, la società nazionale trasporti Gondrand aveva dato il via ai lavori di costruzione di una strada di collegamento tra Asmara e Adua in Etiopia.
Il cantiere posizionato non molto distante dal villaggio era stato denominato N°1 ed ospitava oltre all'ingegnere Rocca, sua moglie ed una novantina di operai, tra cui circa settanta italiani.
La …

Il più grave disastro navale della storia

(Il transatlantico Wilhelm Gustloff)


La grande fuga
All'inizio del 1945 l'armata rossa aveva iniziato la sua inarrestabile avanzata che l'avrebbe poi portata nel giro di pochi mesi a Berlino, nel cuore del reich tedesco. L'esercito germanico si trovava ormai nella condizione di poter solo ed esclusivamente sperare di poter rallentare il rullo compressore sovietico. 
L'armata rossa riuscì con successo a sfondare nel settore della Prussia orientale, in pieno territorio tedesco, ottenendo il completo accerchiamento dell'area nel Febbraio del '45. Il comando militare germanico si trovò così nella situazione di dover trovare una via di fuga per i militari e soprattutto i civili rimasti intrappolati dall'avanzata sovietica.  Farlo via terra era del tutto impossibile, l'operazione di salvataggio di migliaia di soldati e soprattutto milioni di civili venne quindi affidata alla Kriegsmarine.
L'ammiraglio Karl Donitz, comandante in capo della marina tedesca, pr…